Skip to content

FRIV-4.INFO

Non è mai stato così facile cercare file popolari. Qui puoi trovare film e musica assolutamente gratuiti

SCARICARE VIDEO MARIO MEROLA


    The Best of Mario Merola | Mario Merola to stream in hi-fi, or to download in True CD Quality on friv-4.info CLICCA QUI VIDEO TUTORIAL COME AVVIARE UN TITOLO E USARE IL TUTTO. CLICCA QUI X TUTORIAL SU COME SCARICA MUSICA FILM PROGRAMMI CON UN Film - Tradimento (Mario Merola & Nino D'angelo)[/. Comm' 'a 'nu sciummo ('A collezione, Vol. 6). Fantasia ('A collezione, Vol. 5 ). Malommo ('A collezione, Vol. 3). Mario Merola. Di seguito viene riportata la discografia completa di MARIO MEROLA INDICE 45 Giri - Malufiglio/L'urdemo avvertimento (Deafon, CT ) Il 12 novembre Napoli perdeva una delle sue icone più celebri ed amate in tutto il mondo. Sono trascorsi già 10 anni senza Mario Merola.

    Nome: re video mario merola
    Formato:Fichier D’archive
    Sistemi operativi: Android. iOS. MacOS. Windows XP/7/10.
    Licenza:Gratis!
    Dimensione del file:47.44 Megabytes

    Collega il tuo account Spotify a quello di Last. Collega a Spotify. As your browser speaks English, would you like to change your language to English? Or see other languages. È disponibile una nuova versione di Last.

    Fifa 20 Legacy E Electronic Arts. Star Wars Jedi Peluche Thorin El Dorado. Agenda giornalie Tazza Mug Warmer Penna roller Cla Infinite Emozion Offerte Musica Tutta la Leggera internazionale da 2. Offerte Cinema Tutti i Blu-Ray da 9. Gift Card. Ricerca Sono stati trovati 15 prodotti. Risultati: 20 30 40 50 60 70 Napoli Serenata Alfonso Brescia.

    Sgarro alla Camo Ettore Maria Fiz Mario Merola - I Da Corleone a Br Lenzi Umberto. Il Mammasantissi I Contrabbandier Torna Stelvio Massi. La Tua Vita per Guapparia Stelvio Massi.

    Pezzi da 90 - Mario Merola, sceneggiata e canzoni d'amore

    Tradimento Alfonso Brescia. Carcerato Alfonso Brescia. Lacrime Napulita Ciro Ippolito. Cient'anne Nini Grassia. Torna Stelvio Massi Nel , durante una tournée in Puglia , insieme a un famoso paroliere, lo incontrerà.

    Mario Merola era un grande appassionato del Festival di Sanremo , infatti faceva parte del pubblico ogni anno [3]. Ciro Ippolito , il produttore, sceneggiatore e spesso attore e regista dei film di Merola, in occasione dell'uscita dell' autobiografia di quest'ultimo , ha raccontato un fatto accaduto durante le riprese del film Il mammasantissima. Nel novembre , si fa largo tra la gente una signora anziana e in brutte condizioni di salute che sotto al braccio della figlia, si mette in prima fila, nessuno fa caso a lei, nemmeno Merola, che, saluta tutti e che accetta un bacio e un abbraccio dalla signora.

    Ippolito, che invece aveva fatto caso alla signora, cerca di saperne di più. La vecchietta aveva un male incurabile e, aveva chiesto alla figlia di vedere, prima di morire, Mario Merola, infatti questi le "faceva compagnia", "alleviando i suoi dolori" con le sue canzoni e i suoi film.

    La vecchia signora una volta tornata a casa, chiude gli occhi per sempre. Mario, una volta arrivato a casa della defunta scoppia in lacrime e, insieme a Ciro e al resto della troupe partecipa ai funerali della donna. Nel Mario Merola sostiene, al teatro Trianon di Napoli , il concorso per voci nuove. In quell'attesa i colleghi di Merola lo invogliarono a salire sul palco ed esibirsi, per la prima volta, davanti a un pubblico. Lascia definitivamente il lavoro al porto e, con i primi guadagni, si presenta al Teatro Sirena di Napoli interpretando la sceneggiata Malufiglio.

    Con l'etichetta discografica Phonotris, incide, nel , il '45 giri' So nnato carcerato "Sono nato carcerato" , di Alberto Sciotti , Salvatore Cardinale e Raffaele Mallozzi, con cui vince la seconda edizione del festival Pulcinella d'oro [13]. Il trionfo festivaliero gli permette di farsi conoscere ad una platea più vasta.

    Con Alberto Sciotti Merola registra altri brani nel biennio La canzone So nnato carcerato che diventa anche la colonna sonora del film di Roberto Torre Sud Side Story colpisce il pubblico popolare perché tratta da un vero fatto di cronaca: la vendetta di una moglie che uccide l'assassino del marito.

    Arrestata in stato interessante, la donna partorisce alcuni mesi dopo in carcere.

    Guarda questo:WINZIP 15.5 SCARICA

    Dal successo della canzone viene anche tratta una sceneggiata, in due tempi e cinque quadri, portata in scena a Napoli con Liliana figlia del musicista Enrico Cannio e sorella dell'attrice Anna Walter , con Enzo Vitale e con la partecipazione di Tecla Scarano. In un'intensa attività lavorativa nel corso degli anni sessanta , Merola realizza dischi, si esibisce in spettacoli, matrimoni e feste di piazza, arrivando ad essere anche un "talent-scout" contribuisce tra l'altro alla prima popolarità del giovane Massimo Ranieri.

    Ancora da semi-sconosciuto partecipa, negli Stati Uniti , al concerto tenuto dal suo grande amico, il cantante e attore Claudio Villa.

    Nel debutta al Festival di Napoli con la canzone Doce e' 'o silenzio , in coppia con Elsa Quarta. Nel continua la sua partecipazione al Festival di Napoli con le canzoni Femmene e tamorre e Ciento catene , nel con Allegretto ma non troppo , nel con Cchiu' forte 'e me e Comm'a 'nu sciummo , nel con 'O masto , Ciente appuntamente di cui è autore della musica e Abbracciame e nel con 'Nnammurato 'e te!

    Dopo l'interruzione del Festival nel , quest'ultimo verrà ripreso trent'anni dopo, nel In quest'ultima edizione Merola, insieme al figlio Francesco, si esibirà con il brano L'urdemo emigrante , arrivando ad un totale di otto partecipazioni. Con pianista Dino Fiorentino, il chitarrista Vittorio Orabona e il batterista Oreste Fiscale, Mario Merola si è esibito nella commedia musicale sceneggiata napoletana al Teato [18]. Per decenni il lancio e la prima incisione del brano vengono a lui attribuite.

    La notizia è riportata in varie enciclopedie e vari libri dedicati alla canzone napoletana, affermando che, visto il successo ottenuto dalla versione di Mario Merola, successivamente il brano viene inciso da Pino Mauro e Mario Trevi.

    A mettere in evidenza l'errore è lo stesso autore del brano, Alfonso Chiarazzo, il quale in un filmato del luglio dichiara che il primo interprete del brano è Pino Mauro. Tra gli anni settanta e ottanta rilancia, in televisione e nelle 'tournée' fuori Napoli, la tradizionale sceneggiata , un canovaccio teatrale ispirato a una canzone del repertorio popolare e di solito basato sul triangolo "isso, essa e 'o malamente" lui, lei e il mascalzone.

    Parallelamente inizia un'attività di attore cinematografico in produzioni ispirate a storie di cronaca nera Sgarro alla camorra o alle consuete sceneggiate Lacrime napulitane.

    10 anni senza Mario Merola - friv-4.info

    Si cimenta anche come compositore, infatti è autore della musica di alcuni brani tra i quali: Ciente appuntamente , Passione eterna e Eternamente tua , tre dei suoi cavalli di battaglia. Enzo di Domenico il compositore dei brani sopra citati, per Merola, compose e scrisse diversi brani nel corso degli anni. Brani che sono diventati grandi successi di Merola, da cui, nacquero anche sceneggiate. L'attività cinematografica viene ripresa nel , quando viene chiamato dal regista Alfonso Brescia e da Ciro Ippolito per interpretare tre film: L'ultimo guappo nel ruolo di Don Francesco Aliprandi e con Walter Ricciardi , Luciano Catenacci e Nunzio Gallo ; Napoli Del biennio ''79 fanno parte anche: Da Corleone a Brooklyn dove interpreta il boss palermitano Michele Barresi, il film diretto da Umberto Lenzi lo vede in coppia con Maurizio Merli ; I contrabbandieri di Santa Lucia dove ritorna alla regia Alfonso Brescia che lo vede nei panni di Don Francesco Autiero, boss di quartiere che si occupa del contrabbando di sigarette; Sbirro, la tua legge è lenta Queste pellicole sono film d'azione che intrecciano il nuovo filone del poliziottesco alla tradizione della sceneggiata napoletana.

    Merola Interpreta i ruoli del boss e del guappo , mentre nei drammi più tradizionali incarna le figure di padri e mariti alle prese con tradimenti di vario genere. Nel Mario Merola e altri artisti italiani, tra cui Luciano Pavarotti , vengono ricevuti alla Casa Bianca da esponenti politici statunitensi tra cui il presidente Gerald Ford e il segretario di stato Henry Kissinger.

    Da quel momento in poi i due non si incontrarono mai più. Nel a Mario Merola fu chiesto il pizzo dalla Camorra , dopo il suo rifiuto, i camorristi spararono sul portone di casa sua. In questa occasione fu aiutato dai Contrabbandieri. Tra le sceneggiate portate in teatro da Mario Merola quella che ha lasciato un'impronta di rilievo nella carriera dell'attore è Zappatore , rappresentazione originaria del , diretta da Gustavo Serena , tratta dal brano omonimo scritto da Libero Bovio e musicato dal maestro Ferdinando Albano.

    Esattamente 50 anni dopo, lasso di tempo in cui la sceneggiata ebbe alterne fortune, il regista Alfonso Brescia decide di riportare al cinema la sceneggiata dirigendo il film Zappatore con Mario Merola, Regina Bianchi e Aldo Giuffré.

    Il film registrerà un incasso di sei miliardi di lire. Proseguono le apparizioni televisive e gli spettacoli fuori dall'Italia, sia nel resto d' Europa che in Nord America , in particolare per il pubblico di origine italiana. È ospite al Festival di Sanremo cantando il brano Chiamate Napoli , mentre nell' edizione esegue Facitela Sunna e sarà ospite anche in altre occasioni nel corso degli anni.

    Negli anni ottanta riscuote successo il citato brano Chiamate Napoli , scritto dal maestro Eduardo Alfieri e dal prefetto Giuseppe Giordano , inseritosi tra le canzoni con cui il pubblico lo identifica, insieme a Guapparia e Zappatore. Nel recita in teatro nella sceneggiata Zappatore che viene registrata da Napoli Canale 21 che, nel per la prima volta in assoluto la manderà in onda in prima serata riscuotendo ottimi ascolti.

    L'attività dell'attore continua, portando sul grande schermo La tua vita per mio figlio dove interpreta il ruolo di Francesco Accardo, ex malavitoso, a cui il passato torna a bussare; Il cast comprende Antonio Sabàto , Maria Fiore , Rik Battaglia ed Ugo Bologna. L'anno dopo, nel film Napoli, Palermo, New York - Il triangolo della camorra , Gennaro Savarese è nuovamente un ex malavitoso che cerca giustizia per la morte della moglie.

    SCARICARE MIDI KARAOKE NAPOLETANE

    Regista dei quattro film è Alfonso Brescia. Lo stesso anno, Lacrime napulitane , scritto, prodotto, distribuito e diretto da Ciro Ippolito , sembra essere un rifacimento di Catene di Raffaello Matarazzo , ma con l'aggiunta di più brani musicali. Seguono poi I figli Merola è Tommaso Maffettone, un uomo onesto, che, nel giro di pochi giorni, perde la moglie e a cui viene tolto il figlio, dal padre naturale. Tutti e tre i film sono diretti da Alfonso Brescia; qui si chiude, dopo 12 film, la collaborazione tra Merola e Brescia.

    In seguito Merola, in pubblico, rivelerà che nel cinema Brescia fu il suo regista di fiducia. Il progetto fu accantonato perché in quell'anno Merola, fu accusato di associazione mafiosa, successivamente fu prosciolto da ogni accusa, ma il progetto non fu più ripreso.

    Quest'ultimo, visto le polemiche che circondavano il Festival quell'anno, decise di non presentare il brano. Nel resto degli anni novanta è vicino alle prime esperienze canore di Gigi D'Alessio , il quale gli dedicherà poi la canzone Cient'anne! In tale programma, abbinato alla Lotteria Italia , Merola insieme ad Enrico Montesano e a Milly Carlucci recita in alcune piccole parodie della Sceneggiata napoletana , dove i tre invitavano gli spettatori ad acquistare i biglietti della Lotteria Italia.

    Nel partecipa come attore, ritornando al cinema dopo 16 anni, al film di Roberta Torre Sud Side Stori , interpretando il ruolo di Re Vulcano e "duellando" musicalmente con Little Tony , quest'ultimo nel ruolo di King of Rock'n Roll.

    Guida - G. Quirito e musica di G. Nel corso della trasmissione ci furono anche altri ospiti, tutti si esibirono con brani della Canzone classica napoletana.

    In questi anni si esibisce in tutto il mondo insieme al figlio Francesco , anch'egli interprete e musicista. Verso la fine del ritorna, dopo 10 anni, a interpretare una sceneggiata: debutta infatti a Napoli con I figli di Libero Bovio. Nello stesso anno è ospite in molte puntate di Buona Domenica dove recita alcune brevi sceneggiate, si esibisce con Rita Siani nel brano Cu' mme e presenta Il suo libro Napoli solo andata Il mio lungo viaggio , scritto con il giornalista Geo Nocchetti.

    Affiancato ancora dal figlio Francesco, nel è a teatro con il recital Il lungo viaggio continua , una rivisitazione del grande repertorio della canzone classica napoletana, dove Mario Merola si racconta attraverso le sue canzoni.

    La tournée del "lungo viaggio" prosegue nel prima di interrompersi per l'aggravarsi delle sue condizioni di salute.

    I festeggiamenti si svolgono al Grand Hotel La Sonrisa luogo dal quale viene trasmesso ogni anno il programma Napoli prima e dopo e vi prendono parte colleghi e amici che si esibiscono in vari brani napoletani.