Skip to content

FRIV-4.INFO

Non è mai stato così facile cercare file popolari. Qui puoi trovare film e musica assolutamente gratuiti

RECUPERARE LIPO TROPPO SCARICA


    Contents
  1. 10 cose che (forse) non sai sulle batterie del tuo drone
  2. Lunga vita alle batterie agli ioni di litio
  3. Tutte le verità sulle Batterie Lipo
  4. Recupero batterie Lipo e LiFe

Come un furbo, ho dimenticato la radio accesa e la lipo 3s e' morta Tanto che il caricatore dice "low voltage" e si rifiuta di. ciao a tutti,espongo il problema,ho comprato una lipo firefox 11,1v mah 20c oppure "morire" completamente dopo solo un paio di cicli carica-scarica. cioe' una mAh, va caricata per il recupero iniziale a mA. Ciao ragazzi, volevo chiedervi come posso provare a ripristinare due pacchi di batterie lipo nuovi che non ho mai usatomah 30c. Io testimonio per due batterie di due amici, una lipo su una auto rc dimenticata collegata e una lipo nuova imballata arrivata troppo scarica. Come ormai è noto, le batterie Lipo e Life sono molto più delicate delle delle NiMH/NiCd le Lipo/Life si comportano come un recipiente, se versi troppo misura la tensione dell'elemento mentre questo si scarica sulla resistenza sopra citata.

Nome: recuperare lipo troppo
Formato:Fichier D’archive
Sistemi operativi: MacOS. iOS. Windows XP/7/10. Android.
Licenza:Gratis!
Dimensione del file:61.81 Megabytes

RECUPERARE LIPO TROPPO SCARICA

Started by Thcerry , 13 Feb Posted 13 Feb Ciao a tutti. Ieri sera avevo messo a caricale le batterie nel nitecore i2 e purtroppo le ho dimenticate tutta la notte al suo interno, mi sveglio stamattina e noto che solo i primi due led sono fissi, mentre il terzo led non lampeggia neanche. Se le inserisco nella box non si accende e se le metto in carica di nuovo stessa cosa: i led del caricabatterie non si accendono. Le batterie hanno 3 mesi.

Purtroppo non ho un voltimetro.

Ciao ragazzi, volevo chiedervi come posso provare a ripristinare due pacchi di batterie lipo nuovi che non ho mai usato C'è un metodo o una procedura per provare a salvarle, oltre a quello che ho trovato da solo su google di dubbia provenienza???

Io sapevo di ricaricarle come fossero al NiMh controllandola ogni 2 minuti. Un sacchetto di quelli apposta per le lipo non è male come idea in questi casi. Se nessuno vi risponde forse nessuno sa la risposta o avete sbagliato sezione.

10 cose che (forse) non sai sulle batterie del tuo drone

Seguite il regolamento ed usate il tasto cerca Per vedere di rimettere in sesto una LiPo che comunque difficilmente tornerà prestazionale come prima bisogna caricarla con il programma nimh a basso Amperaggio tipo 0,1A fino a quando tornerà sopra i 3V per cella ad esempio per una LiPo 2S fino a poco sopra i 6V. Poi, staccare la carica nimh e caricarla con il programma LiPo, bilanciandola.

Di solito, si riprende. Certo che 1,3V per cella è davvero poco Occhio quindi a quello che fai. Originariamente inviata da saettamcqueen.

Qui il problema è di natura diversa: la cella ti si è scaricata sotto i 3V o è nell'uso che ti si scarica più velocemente delle altre celle?? Originariamente inviata da gabri Prova ancora una volta a bilanciarla. Altrimenti, si, è da buttare. Strumenti della discussione. BB code è attivo.

Le smilie sono attive. Il codice IMG è attivo.

Grazie per il tuo "unblock"! In ogni caso, rispettiamo la tua scelta: se deciderai di non sbloccarci, potrai comunque utilizzare il sito senza alcuna limitazione. Nascondi avviso per 3 giorni. In più, la progressiva scomparsa delle batterie rimovibili, ha spianato la strada per nuove apprensioni sulla durata totale della vita degli accumulatori che vanno a sommarsi a quelle più ovvie sulla durata della singola carica che sembra non bastare mai.

Origine del mito: questo mito ha radici antichissime si fa per dire e deriva dalle caratteristiche elettrochimiche delle prime batterie ricaricabili disponibili per il mercato consumer: le nichel-cadmio [NiCd]. Le batterie NiCd sono state impiegate solo agli albori della telefonia mobile e anche le NiMH sono in disuso da tempo: oggi usiamo batterie agli ioni di litio [Li-Ion] che non hanno effetto memoria e quindi possono essere ricaricate a qualsiasi livello di percentuale senza che la durata della carica successiva ne risenta.

Ne parliamo nel prossimo mito. Per evitare questi pericolosi inconvenienti le batterie hanno un circuito di protezione che ne impedisce definitivamente la ricarica se la differenza di potenziale è scesa al di sotto di 2 Volt : esplosioni scongiurate, ma la batteria è comunque da buttare. Cioè, precisiamo: quanto descritto sopra è verissimo!

Questa soglia di auto-spegnimento varia a seconda del modello del telefono, della capacità della batteria e delle scelte dei produttori: alcuni tendono a tenere questo valore alto per lasciare un minimo di carica che consenta almeno una rapida riaccensione, altri preferiscono tenerlo basso per dare la percezione che la carica sia durata il più a lungo possibile.

La reazione chimica avviene in senso opposto rispetto a quanto visto nel punto precedente, ma i danni che ne possono derivare sono del tutto analoghi. Tensione sufficientemente inferiore a quella in grado di danneggiare la batteria in modo permanente.

Lunga vita alle batterie agli ioni di litio

Quello che succede dopo dipende dagli accorgimenti tecnologici adottati per mantenere la carica al livello raggiunto. In altri si preferisce commutare il circuito di ricarica in una particolare modalità impulsiva che fornisce piccoli quantitativi di corrente di tanto in tanto.

Ma in nessun modo verrà superato il valore massimo previsto, anche lasciando collegato il caricabatterie per giorni interi. Origine del mito: anche in questo caso si tratta di un retaggio derivante dal funzionamento delle batterie basate sul nichel. Gli accumulatori di questo tipo infatti hanno bisogno di una carica iniziale più lunga del solito per consentire alle celle di allinearsi e fornire tutte lo stesso livello di energia.

Il problema tende comunque a risolversi naturalmente dopo cicli di ricarica.

Tutte le verità sulle Batterie Lipo

Non lo so, ma osservando il principio di funzionamento del circuito di ricarica del telefono [vedi mito precedente] , sembrerebbe del tutto irrilevante lasciare il caricabatterie collegato più a lungo dopo che si è già raggiunta la carica completa.

Non è assolutamente necessario effettuare una ricarica completa prima del primo utilizzo, ma ovviamente non si deve andare nel panico se la durata della prima carica risulta troppo breve. Origine del mito: incerta. Non si sa bene da dove nasca questo mito.

Recupero batterie Lipo e LiFe

Forse [come suggerisce CUB3 nei commenti] per un'analogia con il mondo dei PC portatili dove esistono reali procedure per favorire l'auto-calibrazione delle batterie. Ma la cosa più sorprendente è che i forum sono pieni di utenti che ringraziano commossi, affermando che la calibrazione ha definitivamente risollevato le prestazioni della propria batteria.

Effetto placebo? Intanto va detto che "calibrazione della batteria" è di per sé un'espressione inesatta: le batterie degli smartphone sono oggetti "stupidi" e non si possono calibrare. Fanno eccezione le batterie " smart " che in effetti hanno la capacità di auto-calibrarsi , ma sono dispositivi ben più complessi che è possibile trovare solo nei notebook.

Quello che i guru della calibrazione sostengono è che il sistema possa in qualche modo adattarsi e riconoscere la progressiva riduzione della capacità delle batterie dovuta all'invecchiamento.